L’ospedale di Emergency a Ponticelli

Nascerà nei pressi del Parco De Filippo, è in atto la raccolta fondi. Luigi De Magistris: “Ho parlato con Gino Strada”.

Emergency aprirà un ospedale a Ponticelli. “[…] è un grande progetto, grazie al Comune che ci ha dato in concessione lo stabile”, rivela Andrea Belardinelli, coordinatore del programma Italia. L’ospedale dovrebbe nascere vicino al Parco De Filippo.Abbiamo appena finito i lavori di ristrutturazione del bellissimo parco - anticipa  Luigi De Magistris - e presto aprirà anche un ospedale di Emergency per la cura dei bisognosi. Ho parlato con Gino Strada

Proprio stasera - in queste ore - Gino Strada è a Napoli, alla cena che il Rotary club Sant’Elmo ha organizzato al Parker’s Hotel: si racimolano soldi. (A proposito, pure se non tenete i soldi dei rotariani, e quindi non state nel fantastico club, potete fare qualcosa pure voi. Possiamo fare qualcosa tutti: con una telefonata o un sms al 45505, fino al 28 aprile!)

Quello di Ponticelli non è il primo presidio italiano. Dopo il poliambulatorio di Marghera (Ve) e lo sportello di orientamento socio-sanitario di Sassari, hanno cominciato a girare ambulatori mobili un po’ in tutta Italia. L’altro giorno uno a Castelvolturno ha riscontrato l’afflusso, per un buon 20%, di italiani. Non di stranieri, o immigrati non regolari: non solo. Non vogliamo fare retorica, ma la povertà in questo paese sta crescendo. Non mi va nè di leggere, nè di scrivervi le cifre. È un’emergenza vera, concreta. E anche Emergency - nata con una certa vocazione: “per offrire cure medico-chirurgiche gratuite e di elevata qualità alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà - se ne rende conto. Dirotta parte del suo potenziale economico e umano al proprio paese, il paese dove è nata pensando di alleviare le sofferenze del mondo. Si ridimensiona, cura le proprie stesse ferite.

Comincia da Sassari, Marghera, e da Ponticelli.

A chi gli propone di fare il Presidente della Repubblica, Gino Strada risponde: “Il mio lavoro, il lavoro di Emergency, è questo. E penso che il modo in cui possiamo essere più utili a questo paese, oggi, sia continuare a farlo, continuare a curare chi ha bisogno, continuare a cercare e proporre soluzioni per correggere il sistema e diventare finalmente inutili, perché è grave che nel 2013, in Italia, ci sia bisogno dei medici di Emergency.

Autori:


Pasqualino Bellotta